Finalmente ce l’abbiamo fatta!

Finalmente ce l’abbiamo fatta!

Siamo riusciti a togliere il ciuccio a Cesare dopo diversi tentativi andati male.

La prima volta ci avevo provato a dicembre, eravamo andati al parco e abbiamo visto una bimba piccola piccola appena nata, figlia di una mia cara amica. Siamo stati un po’ a guardarla dormire, poi si è svegliata all’improvviso ed è scoppiata a piangere. Cece mi ha guardata un po’ dispiaciuto, sembrava volesse consolarla e allora io le ho proposto di regalarle il suo ciuccio, così si sarebbe calmata. Lui me l’ha dato immediatamente e io l’ho subito passato alla mamma che capita la situazione, l’ha nascosto a dovere. Solo che alla sera gli è venuto un febbrone che l’ha tenuto sveglio tutta la notte, per cui non me la sono sentita di non darglielo, poverino.

La seconda volta invece ho provato a toglierlo senza tante spiegazioni, vedevo che non me lo chiedeva più per andare a fare la nanna, per cui speravo fosse passata liscia così… in realtà ho scoperto che aveva il suo ciuccio verde nascosto dentro il cuscino, per cui come spegnevo la luce se lo metteva in bocca e ciao (hai capito a due anni e mezzo??).

Settimana scorsa invece quando l’ho messo a letto prima di dormire mi ha chiesto il ciuccio e io gli ho detto che la tata quel giorno l’aveva buttato per sbaglio nella spazzatura. Lui mi ha guardata con gli occhioni di chi non ci voleva credere, ha fatto un po’ di muso ma poi era talmente stanco che si è infilato sotto le coperte ed è rimasto in silenzio. Il risultato è che non ha più voluto né chiesto il ciuccio. L’unico inconveniente è che per due giorni è stato arrabbiatissimo con la tata che, conoscendolo, ha compensato subito facendogli trovare un cuoricino pieno di ovetti al cioccolato. In confronto al cibo, tutti i vizi del mondo non valgono assolutamente niente…

1 commento

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 2001.

Pin It on Pinterest

Share This